21-10-2011 - Progetto Mattia Rigon - 349.8621872, 349.8150570

Vai ai contenuti

Menu principale:

21-10-2011

Pubblicazioni
www.GAZZETTINO.it

ALTA PADOVANA

La cena dei quattro cuochi

Mattia, solidarietàmoltiplicata per 160


Venerdì 21 Ottobre 2011,

In 160 hanno partecipato alla cena di solidarietà a sostegno del Progetto Mattia. Gran lavoro e grande soddisfazione per i quattro chef padovani che, nel tendone della Pro Loco di Cittadella, si hanno deliziato i numerosi ospiti con i piatti tipici serviti ai loro ristoranti. Apprezzate le portate presentate da «EraOra» di Campo S.Martino, «Antica Osteria Pedrocchi» di Romano d'Ezzelino, «Hostaria di via Roma» di S.Martino di Lupari, e «Taverna degli Artisti» di Cittadella. Tra gli ospiti c'erano anche alcuni parenti e le nonne di Mattia Rigon, il bambino di 4 anni di S.Andrea di Campodarsego che sta muovendo i cuori e la solidarietà. «É stata una bella festa e siamo al settimo cielo sapendo che in poco tempo siamo riusciti ad allestire questa iniziativa per raccogliere fondi per aiutare la famiglia di Mattia con le cure per il loro bambino - ha commentato Massimo Meneghello di «EraOra» - Ha vinto la buona cucina e il grande cuore delle persone. Ora faremo i conti e tolte le spese per le pietanze e i prodotti, il resto sarà dato per Mattia». Commosso Stefano Rigon, il papà di Mattia che non sa quali parole trovare di fronte a tanta generosità e sensibilità, se non dire «grazie a tutti per il contributo che ci danno. Io, Anna e Mattia ringraziamo tutti, davvero tutti per questa ondata di solidarietà e di donazioni che non ci aspettavamo». La storia di Mattia inizia quando, a pochi giorni dalla nascita, gli viene diagnosticata una ipoglicinemia non chetotica, una malattia metabolica ereditaria. Dopo numerosi tentativi di cura in Italia, Anna e Stefano hanno conosciuto, via Internet e grazie al passaparola di altri genitori, Vitali Vassiliev, un medico russo che lavora in una clinica di Rishon Le Zion, a pochi chilometri da Tel Aviv, in Israele, e che cura Mattia con la dopamina. Ora a 4 anni Mattia e da agosto, quando è iniziata la terapia, non ha più crisi epilettiche tanto che è stato iscritto all'asilo parrocchiale di S.Andrea. La terapia costa 15.000 euro oltre alle spese per il viaggio e la permanenza a Tel Aviv. E il prossimo ciclo di terapie è in programma per metà novembre (www.mattiarigon.it)


 
Torna ai contenuti | Torna al menu